Post-tago II

Il bello del Tagofest è che ci si ritrova praticamente tutti: c’erano metà dei nostri tanti co-produttori, un sacco di colleghi musicanti, cibo, bevande e gente simpatica in genere. Poi si sente l’aria di mare, si sta all’aperto e non ci si rincoglionisce come in quei carrozzoni stressanti tipo MEI. Tutto è filato liscio, esclusi i venti minuti thriller in cui, causa qui pro quo sugli orari, abbiamo aspettato che Atros (ormai stabile nel ruolo di controfigura bassistica) e Gateaux tornassero dal mare: dovevamo suonare di lì a poco. Per fortuna ce l’hanno fatta, malgrado la sabbia e il sale.

Un parzialissimo resoconto fotografico di com’è stato lo trovate, al solito, qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...